12. Maria Vergine - LauraMaschi

Vai ai contenuti

12. Maria Vergine

 
[12/1]   9 dicembre 1968  -  ore 8,30    
Sono Io che ti parlo, la Mamma di Gesù.
Hai fatto bene ad accordarti con N. per pregare insieme. C’è tanto bisogno di preghiera.
Il mondo sta attraversando un periodo critico. Grandi cambiamenti si stanno iniziando nelle coscienze. Gli uomini cominciano ad accorgersi che c’è qualcosa di più importante della vita umana materialmente vissuta, perciò stanno succedendo tutti questi disordini, queste controversie. L’uomo comincia a discutere perché sta cercando la strada più giusta per arrivare alla perfezione. E’ bene discuta, anche se ci sarà il pericolo di deviazioni e di defezioni da parte di chi aveva imboccato una strada inizialmente giusta.
Il maligno sta lavorando alacremente per distogliere le anime dalla retta via.
Solo guardando in alto non si sbaglierà mai; guardando troppo in basso, anche se si crede di fare un bene, si rischia di andare fuori strada. Perciò è necessaria più che mai la preghiera. Unitevi nelle case, con gli amici e pregate, pregate perché lo Spirito illumini le menti e faccia vedere la strada da seguire.
Pregate perché Satana venga debellato. La preghiera è l’arma più potente contro di lui.
 
[12/2]   4 gennaio 1969  -  ore 15   
Sono Io che ti parlo, la Mamma di Gesù.
Non credi alla Mia mediazione? Nella Mia intercessione per voi?
Io posso tutto presso il Mio Figliolo diletto. Nulla Mi nega se Io chiedo. Perciò se voi chiedete a Me cose buone, che servono alla diffusione del Regno di Dio, Io intercederò per voi, perché ciò che chiedete si realizzi.
Che cosa vuoi da Me?
(Si realizzi l’unione fra i cristiani d’occidente e quelli di oriente e poi l’unione diventi più ampia anche con i fratelli separati).
Lo farò perché ciò sta tanto a cuore oltre che a Me anche al Mio Gesù. E’ necessaria l’unione per combattere le forze avversarie che tanto si scatenano e sempre più si scateneranno. Prega e fa pregare.
(E il centro di studi fisico-psichico-spirituali?).
Dovrà sorgere alla Cattolica, parlane con Mons. Z., ti aiuterà.
Sarà utile per orientare tanti figli verso Dio anziché lasciarli prendere dal demonio che li tiene incatenati.
 
[12/3]   27 febbraio 1969  -  ore 8,30   
Io ti parlo, la tua Mamma Celeste... Io chiederò per te e per voi.
La Mia domanda vale di più della vostra perciò dovete chiedere a Me, così sarà avvalorata la vostra richiesta.
«Io sono il pane disceso dal Cielo... chi mangia Me vivrà in eterno» (Gv 6,41; Gv 6,58), così dice il Mio Signore Gesù. Io vi ho portato questo pane, Io l’ho impastato, formato per voi. Ho gustato per prima la sua fragranza, la Sua forza Mi ha sostenuta. Ho dato e Mi è stato restituito il centuplo.
Così sia per voi, datevi a Lui, lavorate per Lui, amalgamatevi con Lui e vi darà gioia, forza e potenza e vi preparerà il posto per la gloria eterna alla fine del vostro travaglio terreno.
 
[12/4]   5 maggio 1969    
(Madonnina perché mi hai chiamata?...).
Io sono la porta, il tramite più diretto tra l’uomo e Dio, Mio e vostro Creatore.
Io, creata, ho messo al mondo il Mio Creatore, capisci cosa vuol dire?
Capisci l’enorme bontà di questo Dio-Uomo-Creatore e simile alla Sua creatura?
Nato come questa, nello stesso modo venuto nel mondo da Lui creato. Attraverso la stessa via e con lo stesso procedimento di una qualsiasi creatura. Ma Egli non ha portato dolore alla Sua Madre.
 
[12/5]   19 gennaio 1970  -  ore 4,30    
Ti sono vicina, ascoltami. Perché non Mi vuoi bene?
(Madonnina perdonami, perché devo scrivere “del sangue?”. Non sei sempre la stessa Mamma di Gesù?).
Sì, Io sono l’Immacolata, senza macchia, pura ed integra, concepita così nel seno di Mia madre.
Io, chiamata con vari nomi dall’umanità osannante alle Mie doti e perfezioni, ora assumo un nuovo attributo “del Sangue” non attribuito osannante, ma predicente il sacrificio. Questo è necessario per portare la salvezza all’umanità dolente e tristemente incline al peccato. Sempre più Satana si accanisce e allontana anime dal Mio Gesù che ha sparso il Suo Sangue per salvarle.
Quel sangue che è uscito fino all’ultima goccia dal costato trafitto dalla lancia, ora scende dal Mio cuore dolente. Troppi mali invadono il mondo impazzito.
Ravvedetevi o figli, non seguite la pazzia del benessere. La coscienza sia stimolo per voi per cambiare condotta.
I mali del mondo provocano castighi divini. Non attirate la giustizia sopra di voi perché guai a voi se ciò vi avverrà. Pentitevi, credete, amate, pregate. Io sono con voi, vi amo e vi chiamo per scuotervi dal torpore.
Ti benedice la tua Mamma celeste.
 
[12/6]   24 gennaio 1970  
Diffondete il Mio nome (Madonna del Sangue) diffondete la Mia voce, il Mio segno di allarme, aprite gli occhi, muovetevi, è ora. Il maligno avanza su tutti i fronti, camuffato in mille maniere, non dormite ma state all’erta. Sono più accorti di voi i figli delle tenebre. Faranno prodigi da ingannare anche voi se non siete attenti. Guardate al frutto delle loro opere, lo scopo finale a cui tendono. Non illudetevi, non credete alle apparenze, traggono in inganno e sono false, come false sono le loro parole melliflue.
Parlano di pace e preparano le armi. Sono molte e varie le loro armi. Le loro ideologie vengono diffuse in tutti i campi: nel campo della scienza, fra gli intellettuali, fanno scuola nel campo dell’arte, cosiddetta da loro, ma arte diabolica (pornografia, cinema, riviste, informazioni varie a tutti i livelli); nel campo politico, vastissimo, ambiguo, termine vago che serve a confondere e quindi a sovvertire ogni ordine prestabilito.
Aprite gli occhi e la mente. Pregate, pregate, pregate, perché la Luce vi illumini e segni la via da seguire. Io sono il ventilabro che dirada le tenebre della notte. Sappiate servirvene.
Così sia.
(Tu, Tu, Tu, solo Tu puoi fare, aiutaci Signore).
 
[12/7]   5 marzo 1970  -  in chiesa.   
E’ un momento particolare di grazia che Io offro a chi accetta di venire a trovarMi nel luogo della Mia apparizione. Approfittate, tutto serve per voi, uomini poveri nello spirito e Io vi arricchirò, poveri nella volontà e Io la farò forte, poveri nella fede e Io la illuminerò, poveri nella carità e Io la renderò più ardente e cosciente.
Ascoltate la Mia voce, è la voce di una Mamma che vi chiama, figli sbandati, figli derelitti, figli scontrosi, tutti chiamo, tutti amo, tutti voglio avvicinare al Mio Gesù perché con Lui possano entrare nell’eterna gloria.
(Cosa devo dire per invitarli a Lourdes?).
Dì che Io li attendo per dare a loro un dono particolare... Non perdano questa occasione santa, servirà alla loro santificazione.
 
[12/8]   27 maggio 1970  -  ore 4   
La gloria di Dio possederà la terra, così dice il Signore.
Nel Mio nome le genti esulteranno e chiameranno beata colei che Mi fu Madre.  
Donna eccelsa sopra tutte le donne, scelta per portare il Creatore dell’Universo, benedetta fra tutte le creature, Immacolata e bella, splendida di luce irradiata dal Figlio che da Lei ha preso carne per assomigliare alla Sua creatura fatta ad immagine del Creatore. Somiglianza divina, somiglianza umana, anima e corpo, spirito e materia, il tutto unito in una mirabile sintesi, ecco l’uomo. La materia informa lo Spirito perfetto. La non perfezione, perché derivata, accoglie la Perfezione, Essenza prima non derivata da alcuno.
Creatore più creatura, ecco l’universo. Unione perfetta, ecco lo scopo della fusione. A questa fusione perfetta col suo Creatore deve tendere la creatura.
Quando questo avverrà si manifesterà la gloria integrale di Dio, Padre dei viventi.
Così sia.
 
[12/9]   7 dicembre 1971  -  ore 1,40  
Io sono l’Immacolata Concezione, chi crede in Me sarà eternamente beato.
Se tu vuoi essere salvo invoca il Mio nome. Io ti sarò vicina sempre perché così vuole il Mio Gesù. Per Lui io sono beata e benedetta ora e sempre...
 
[12/10]   16 luglio 1976   
Il mio “Fiat” ha creato il mondo (cfr. Gen 1,1). L’energia è diventata materia, la volontà d’amore si è concretizzata per provocare amore.
Così in Maria, il suo “Fiat” ha provocato l’Amore (cfr. Lc 1,26-38), il suo amore ha dato la possibilità di concretizzarsi all’Amore Eterno.
Così la tua e vostra volontà d’amore produrrà frutti concreti per la vita eterna.
Così sia per Maria.
 
[12/11]   21 febbraio 1978  -  in Duomo a Milano.  
Essere pazza per amore vuol dire fare quello che gli altri non fanno, credere quello che gli altri non credono, agire in modo diverso da quello che il mondo chiede. Tu sei nel mondo ma non sei del mondo perciò ti dai da fare per le cose che non sono del mondo ma servono, qui sulla terra, per conquistare la vita eterna.
Questo tuo interesse primario, questo tuo agire per Me sopra tutte le altre cose, tutto questo è pazzia per il mondo. Non temere piccola colomba, va avanti e non temere gli uomini. Porta questi messaggi sugli alti monti (gerarchia) perché servono a far camminare il Mio popolo verso la meta finale luminosa e felice.
Ti benedice la tua Mamma celeste, insieme a Gesù.
 
[12/12]   29 novembre 1978  -  in tram guardando la Madonnina del Duomo.    
Io sono qui tra il Cielo e la terra. Sono presso Dio, a disposizione delle Sue creature.
Chiedete e vi sarà aperto il Cielo, se lo cercate; se guardate solo la terra essa sarà il vostro unico retaggio arido e muto. Ma se alzate gli occhi vedrete la luce e sarà illuminata la vostra vita terrena.
Siete nati per la luce, non per le tenebre, non chiudete gli occhi.
 
[12/13]   9 dicembre 1978  
Io sono l’Immacolata Concezione.
Così Io sono: pura per Grazia sovrabbondante. Non macchia ereditata, non è questo il peccato originale, ma macchia, cioè colpa che offusca la purezza primigenia, che deriva da una volontà libera e cosciente di opposizione alla volontà del Creatore. E volontà di amore e di bene comune è quella del Creatore, mentre la volontà di chi si oppone all’amore per un fine esclusivamente egoistico, opera azioni turpi e contrarie al bene comune. Questo è il peccato.
Il primo e totale peccato originale è stato quello di Satana, oppositore e antagonista del Creatore.
Peccato di origine, perché ha provocato e continuamente provoca in ogni uomo la prima tentazione dell’antagonista: - io sono padrone di me stesso e faccio ciò che mi piace, di Te non me ne importa -.
Questo il primo contrasto di Lucifero col Creatore, questo il primo contrasto di ogni uomo tentato di farsi autonomo. Ma autonomo nessuno resta, perché succube di un impero negativo che sempre più lo allontana dal Bene Assoluto. Ma Io, Madre di Gesù, sono stata preservata dalla tentazione per somma Grazia.
Il “Più” ha riempito fin dal Concepimento il “meno” dovuto alla creazione, perciò l’Angelo Mi ha chiamata: «Piena di Grazia» (Lc 1,28). Il Pieno colma il vuoto: questo ha fatto il Mio Signore per Me, l’Immacolata.
«Grandi cose ha fatto in Me l’Onnipotente e grande è il Suo Nome» (Lc 1,49). Ma se in Me è venuto in pienezza colmando, a priori, la Mia lacuna, in ogni uomo dà il dono della Sua Vita sacrificata per colmare tutte le lacune umane.
Peccato d’origine in ogni uomo che cede alla prima tentazione del maligno e apre la via alla sua conquista. Salvezza di origine di un Dio incarnato, sceso per aprire la via a chi lo vuol seguire sulla croce: dal Calvario alla Risurrezione.
Peccato originale di ogni uomo cosciente del male accettato, portante alla perdizione. Salvezza originale per ogni uomo cosciente del bene accettato portante alla risurrezione eterna.
 
[12/14]   12 settembre 1983  - Neuchâtel.
«Ama il prossimo tuo come te stessa» (Mt 22,39; Lv 19,18).
(Aiutami Signore, sono misera... Il Rosario?).
Serve a chi è ancora infantile o vecchio nello spirito.
Colui che è maturo nello spirito, canta con la sua mente e con la sua parola le lodi al Dio Creatore e Signore del Cielo e della terra.
Sii matura nello spirito e lo Spirito ti detterà dentro la Sua Parola.
Così sia per Maria.
 
[12/15]   15 marzo 1984  -  chiesa a San Babila.
(Desideravo fare la Comunione, ma non c’era nessun sacerdote).
Credi o non credi? Io ti ho detto e ti ripeto: Io sono in te e tu sei con Me.
L’importante è che tu Mi senta presente in te. Abbi fede e vivi in pace.
Il sacerdote, come il fedele, deve camminare. Nessuno, neppure il Papa ha raggiunto tutta la Verità, ma solo piccole parti di Verità.
Il cammino terreno serve per avanzare nella scoperta della Verità. C’è chi è più avanti e chi è più indietro. L’importante è che i primi in cordata sorreggano quelli che vengono dietro e insegnino la strada più sicura.
Così sia per Maria.
Il Rosario è importante gradino per il raggiungimento della Vetta. Ma si deve avanzare. Dillo al mondo.
La tua Mamma Celeste.
 
[12/16]   Agosto 1984
«Giovanni, ecco tua Madre» (Gv 19,27). Così è iniziata l’adozione nello spirito.
Così sia per tutti voi credenti.
 
[12/17]   11 dicembre 1984  -  ore 15,30
Non prenderMi alla leggera, è una cosa seria quella che ti sto preparando, prega e digiuna.
Purificazione e penitenza ci vuole per salire.
Ti aspetto: la tua Mamma Celeste.
 
[12/18]   31 dicembre 1984  -  in cappella a Medjugorje durante la Comunione.
(Signore, perché non mi chiami più colomba?).
Ora devi essere falco.
(Che brutto! Perché?).
Il falco ha ali per volare molto in alto, ha occhi che vedono dall’alto, così devi essere tu: vedere chi è in basso, malato, sofferente, raggiungerlo e portarlo in Alto.
(Ma non sarò capace).
Io, la tua Mamma, ti darò la mano, appoggiati a Me e credi nel Mio Gesù che ti solleva.
Così sia per Maria.
 
[12/19]   20 febbraio 1987  -  in tram guardando la Madonnina del Duomo.
Mi consideri male. Non c’è una cultura, c’è un Universo in Me.
Ma la Mia cultura incide anche sul Mio messaggio. Messaggio eterno per l’uomo eterno.
L’essenziale è la salvezza e oggi l’uomo è troppo lontano da tale salvezza. Si avvicini al Mio Gesù e la salvezza la vivrà già nel tempo.
Così sia, ti ama la tua Madre Maria.
 
[12/20]   22 gennaio 1988  -  ore 14,15
Io sono la Mamma dei bambini dell’asilo. Insegno l’A, B, C, della preghiera e faccio fare i primi passi nel cammino dello spirito.
Il Rosario, il digiuno, la penitenza sono i primi strumenti da usare per diventare forti nella fede. Non si può iniziare a fare la teologia se non si sanno i primi termini di confronto con le Realtà assolute.
Tali termini di confronto sono:
·         le parole (il rosario) che servono per poi avanzare nella comprensione della Parola;
·         il digiuno serve a confrontare il corpo umano fisico col Corpo di Gesù;
·         la penitenza serve di confronto fra il sacrificio dell’uomo (sulla terra) col Sacrificio di Gesù.
Io vi propongo tali mezzi accessibili ad ogni piccolo (nella fede) e questi serviranno per rinforzare l’uomo, per poi usare mezzi molto più sofisticati (sapienziali) come: la Parola, l’Eucarestia, il Sacrificio. Tutto serve all’uomo per crescere e raggiungere stature adulte.
Seguite il Mio metodo didattico, piccole anime, e crescerete senza salti né cadute.
Così sia con Me Maria.
 
[12/21]   28 luglio 1991  -  ore 5
(O Maria Madre del tuo Figlio che ti era ed è tuo Padre. Maria figlia del tuo Figlio che hai reso visibile e tangibile ad ogni Sua creatura, fa che crediamo in Lui, tuo e nostro Padre, tuo figlio nella carne e tuo Padre nella tua essenza. Fratello nostro nella carne e Padre nostro, del nostro essere eterno. Veniamo da Lui, Lo incarniamo, Lo sentiamo, Lo vediamo adombrato nel Corpo che appare e scompare dalla nostra vista terrena ma rimane nel nostro intimo e continuerà a manifestarsi in ogni credente che Lo sente, Lo vive, Lo cerca per unirsi a Lui all’infinito. Così sia per tutti noi, attraverso te Maria, come te, con te Maria).
Così sia per e con Maria perché tutti siano uno nell’Uno.
 
[12/22]   22 ottobre 1991  - ore 10,30  - nella chiesa del Fopponino a Milano, davanti al Tabernacolo.
(Signore, per pregare penso di dire il Rosario, ma non è incongruente dirlo qui davanti a Te?).
La preghiera alla Madonna, ai Santi è comunque sempre davanti a Me. Il Rosario è la preghiera, ben accetta sempre, di chi non sa pregare diversamente. Pregare è unirsi con chi si prega e tutti gli oranti, da Maria all’ultimo fedele, sono uniti a Me con la preghiera. A ognuno il suo. Io accetto tutti.
Tu parla con Me e ascolta, questa è la tua preghiera. Trasmetti... Oracolo vivente (!?).
Così sia con Maria.
 
[12/23]   25 ottobre 1991  -  ore 10  - in tram davanti al Duomo di Milano.
(Madonnina aiutami, sono stanca, dubbiosa, aiutami!).
E Io? Ho creduto in Lui, ho avuto Gesù e ho creduto in Lui, ho perso Mio Figlio e ho creduto in Lui.
Credi e ama e non sarai più stanca.
La tua Mamma Maria.
 
[12/24]   16 novembre 1992
Così è e sarà con Maria, donna “Sapiens” per eccellenza.
 
(Ma come Maria ha potuto imitare Cristo se ne è stata la Madre?).
La Sapienza era in lei fin dal suo concepimento, perciò si è detta “IMMACOLATA CONCEZIONE”.
Il progetto dell’Assoluto sorvola i tempi.
Così è.
 
[12/25]   21 novembre 1992
... Maria aveva fede totale nel Dio Creatore che (lei sapeva) avrebbe mandato il Salvatore.
Maria, come tutte le fanciulle credenti di quel tempo, desiderava in cuor suo di poter diventare Madre di tale Messia. Desiderio inconscio che aveva provocato la sua decisione di rimanere vergine per non essere contaminata da alcun uomo terreno. Per la legge dei contrari l’inconscio (desiderio di maternità) si unisce al conscio (volontà di verginità). Nella realtà, il desiderio di Maria provoca in lei la visione dell’Angelo, l’annuncio, la sua reazione cosciente («ma come, se non conosco uomo?» Lc 1,34), l’emozione (shock) che si traduce in adesione della volontà.  L’inconscio (all’inizio) supera il conscio che si adatta (poi) all’inconscio.
Stupore e fiducia si incontrano e scatta l’adesione cosciente: “FIAT”.
Incontro fra il Soprannaturale e il naturale. La Volontà alta (Divina) si incontra con la volontà terrena di Maria.
L’ovulo, staccatosi per lo shock («rimase turbata» Lc 1,29) subìto dall’annuncio, viene fecondato dalla Volontà superiore entrata in contatto in Maria in modo cosciente, e provoca il concepimento accettato coscientemente anche se, il tutto, è circondato da una sensazione di stupore e mistero.
Il Soprannaturale unito al naturale produce il frutto: Cristo, Uomo-Dio!
Così è.
Perciò il Figlio dell’Altissimo (cioè la Sua Parola = verbo) si è incarnato ed è diventato il Figlio dell’uomo - in concreto, nella realtà storica, nella «pienezza dei tempi» (Gal 4,4) -.
Così oggi, lo Spirito di Dio si incarna in ogni uomo credente e amante, e produce in lui la Sapienza.
Questo è “l’Homo Sapiens” destinato a diventare genitore della parola ispirata dall’Alto.
 
[12/26]   15 dicembre 1992  -  ore 10  -  in chiesa, davanti alla statua della Madonna.
(Quando Signore Ti manifesterai a noi visibilmente?).
Nove mesi ho atteso prima di vedere con i Miei occhi il Mio Figlio Gesù, così ora voi creature in gestazione dello Spirito Santo dovrete pazientare perché si formi sempre più tangibile e visibile in voi (mente e cuore) nel vostro corpo psichico, l’immagine del Salvatore, fatto carne in Me (Maria) e incarnato nel vostro spirito attento, vigilante, orante e desideroso di vedere e toccare.
Ma la visione vostra è nello spirito e prenderà corpo nella vostra carne fatta a imitazione del Corpo di Mio Figlio e destinata a imitarne la Vita nel tempo. Imitate il Mio Gesù e come Lui vivrete e sarete alla fine sublimati nella gloria come Lui e come tutti i Suoi credenti.
Cristo, Figlio del Padre, Figlio della Donna (Maria), Figlio dell’uomo credente e amante il Suo Spirito. Così tutti alla fine saranno uno nell’Uno. Come per Me così sarà per voi. Vi benedice la vostra Mamma Maria.
(Grazie Maria, prega per noi).
 
[12/27]   15 dicembre 1993  -  ore 8,30
Maria è stata impregnata di Spirito Santo perché Lo aveva desiderato fin da piccola in modo forte, cosciente, innanzi a tutto e a tutti. Perciò l’Angelo l’ha chiamata «piena di grazia» (Lc 1,28) perché già piena, impregnata di Spirito Santo fin dal suo concepimento. Perciò Maria ha detto: “Io sono l’Immacolata Concezione”, perché dove abita lo Spirito Santo non può esservi macchia di peccato, cioè nessuna deviazione dall’Amore e dalla Verità può esservi in chi è ripieno di Luce (grazia).
Così è.
Desidera la Luce, riempiti di Amore e la Verità dello Spirito Santo fugherà da te l’ombra del maligno.
Così sia con Maria anche per te.
Torna ai contenuti