Capitolo XVI


Le comunicazioni di Dio e dei Suoi SANTI, oggi

5 aprile 1968

Io oggi Mi manifesto cosi attraverso voi voci, e voi dovete portare agli altri la Mia

Parola. E' come la Parola del Vangelo, tanti non credono neppure a quello, anche se lo leggono, ma non si accorgono che è Parola di Dio, lo intendono come una documentazione storica dell'esistenza del Cristo-Uomo vissuto nella storia, ma non credono che sia vera Parola di Dio, sempre attuale nei Suoi insegnamenti. ieri, oggi, e sempre sarà attuale l'insegnamento che viene dalla Parola del Vangelo. Io intendo dirigervi con quelle Parole in ogni circostanza della vostra vita, non solo di ieri, quando ero nel vostro mondo, ma di sempre.

Se non capiscono, che per questo vale il Vangelo, che questo è lo scopo del Vangelo, e non solo una documentazione storica, non avranno capito niente e non arriveranno a Me non Mi accetteranno. Povere teste umane che credono di arrivare a Me solo con l'intelligenza umana e non si accorgono che essa è scintilla divina immessa in loro per poterMi cercare e trovare!

Tu scrivi ciò che Io ti dico, ed è la stessa Parola detta nel Vangelo, lo stesso insegnamento solo adattato ai vostri tempi. Lo stile e la scrittura è tua, è vostra, di colui a cui lo detto, ma il pensiero e la volontà sono Miei. Mi devo adattare alla vostra mentalità, come stile, perciò ogni tempo ha la sua mentalità. |

La Bibbia segue la mentalità orientale di quei tempi in cui io l'ho ispirata negli uomini di quei tempi. Ora la Mia Parola assume lo stile e segue la mentalità di voi che Io ispiro, ma è sempre la Mia voce, la Mia Parola, la Mia volontà. Abbi fede e ascoltaMi, non temere, ci sono Io, l'Onnipotente.

10 giugno 1968

Ha detto molte cose giuste Gandhi, era un giusto. Come lui altri dicono cose giuste perché dettate da Me, anche se non cristiani battezzati. lo sono dentro di loro e parlo. Così Luther King, così' tutti quelli che parlano di giustizia divina, non umana, di pace, non di guerra, di bontà, di amore. Tutti questi parlano a Mio nome. Questi sono i veri profeti. Confrontate le loro parole con quelle del Mio Vangelo e troverete che corrispondono. Non così quelle dei falsi profeti che parlano di rivoluzione e di innovazioni anche nel cristianesimo. Il cristianesimo è sempre quello iniziato da Me duemila anni fa, e sempre uguale. Niente c'è da cambiare o innovare. Solo approfondire quello.

13 marzo 1970

(Perché Signore sempre queste discussioni a tavola? Non vedi che non servono a niente? Non accettano le mie idee, forse non so dire quello che Tu vuoi, forse è superbia e ignoranza e miseria, ma nessuno accetta questa nuova Rivelazione).

Non Rivelazione nuova. La Rivelazione è unica; quella che Io ho fatto durante la Mia vita terrena e che era stata pronunciata e profetizzata dai profeti dell'Antico Testamento, Libro sacro, contenente il piano di Dio Padre, preannunciato all'umanità attraverso la storia di un popolo e la situazione particolare di certi personaggi, antichi, per voi uomini di oggi. Io ho rivelato i misteri principali dell'Essenza di Dio, della vita di Dio, del piano salvifico di Dio nei vostri riguardi, uomini di poca fede.

E' proprio questa mancanza di Fede che non fa accettare l'ulteriore spiegazione di misteri svelati da Me e contenuti nella Sacra Scrittura.

Là c'è l'embrione di tutto ciò che di mano in mano si va attuando nella storia dell'umanità, prima in cammino di ricerca della salvezza (terra promessa), ora redenta da Me, uomo Dio venuto sulla terra per parlare, per svelare i misteri e infine patire e morire per redimere il popolo decaduto per il peccato.

Tutto ciò che viene ulteriormente spiegato ad anime scelte per questo è ispirazione divina, dovuta all'opera dello Spirito Santo che detta, dentro di esse, i particolari che servono a meglio capire la Rivelazione iniziale e capitale.

Non quindi nuova Rivelazione, ma ulteriore spiegazione di tale Rivelazione attraverso l'ispirazione che serve pure a togliere i veli dovuti alla natura umana scadente e scaduta.

Se vi avvicinerete a Me cadranno sempre più tali veli e vedrete chiaramente ciò che vuol significare la Rivelazione iniziale.

23 giugno 1972

(Signore, voglio crederTi e Ti ascolto. Maria, mamma mia celeste dimmi se veramente è il mio Gesù che mi parla).

Si. il mio e tuo e vostro Gesù ti ha chiamata per esprimerti la vera Parola perché tu la ritrasmetta al mondo, a quanti la vorranno accettare e beati saranno coloro che, credendo, la metteranno in pratica.

Io sono il Signore Dio tuo, non credere, piccola colomba, alle insinuazioni del maligno che vuol farti credere sia una tua fantasia ciò che ora stai facendo.

Non la fantasia umana crea la Parola del Padre, ma il Padre che è nell'intimo dei cuori umani detta la Sua parola, che un giorno si è incarnata in Maria ed ora continua ad essere presente in ogni credente e orante.

La Fede quindi è la virtù principale necessaria per sentire tale Parola. L'arnore poi la farà crescere nell'anima umana e la farà fruttificare.

Le opere buone dell'uomo di Fede non sono altro che l'applicazione fedele della Parola dettata dentro nell'intimo umano.

Abbi dunque fede in Me che ti parlo. Ascolta la Mia voce, metti in pratica ciò Io, Dio tuo e tuo Padre amoroso, ti suggerisco di fare.

27 gennaio 1976

Voi, Mie Voci, siete i battistrada per preparare le vie al Mio ultimo ingresso nel mondo. La Mia venuta finale nella terra dei morti sarà preparata da voi che state trasmettendo la Mia voce.

Voce di amore e di insegnamento di ciò che vale per la vita eterna.

(Perché terra dei morti?).

Perché non sarà più fonte di vita nell'eternità beata dove nuovi cieli e nuove terre saranno per i fedeli alla Parola.

Correte, affrettatevi, Mie Voci, a trasmettere la Mia Parola perché il mondo ha bisogno di Luce altrimenti brancola nelle tenebre diffuse dal maligno. Voi sarete i battitori che portano la lieta novella perché si appianino i monti e si colmino le valli e perciò si faccia un solo ovile sotto un solo Pastore.

7 febbraio 1976

Non dare libero sfogo alla tua fantasia, ma segui la Mia Parola. Io ti dico: la Bibbia è Parola Mia sottintesa alla parola umana di chi scrive. Non tutto ciò che è descritto è realtà esistente, ma tutto ha un senso profondo che l'uomo di oggi e di domani dovrà scoprire, fare suo come insegnamento di vita e come scoperta di Verità eterna.

Non studiate la Bibbia, non la scarnificate, non ne fate la vivisezione attraverso tecniche scientifiche e letterarie, altrimenti così ne ucciderete lo Spirito. Ma questo Spirito, sottinteso ai fatti descritti, sia l'essenziale da scoprire.

Così..., e tutti i biblisti che si affannano nella ricerca di parallelismi e idiozie inutili, cerchino la Verità nel profondo dei testi. Questa è da scoprire. Si faccia uno studio delle rivelazioni private odierne, se ne studi il sistema, le modalità, i metodi di scrittura e i contenuti delle varie scritture. ]

Da questo studio si potrà comprendere i metodi, le modalità, le spinte interiori che hanno determinato la Sacra Scrittura di un tempo.

Il sistema è sempre quello, le persone scriventi sono cambiate.

La realtà essenziale è data dall'ispirazione che Io, Spirito Santo, ho dato alle Mie voci. Le creature scelte per questo sono semplici e vuote nel loro intimo, intrise di accidenti contingenti attraverso i quali esse manifestano la Mia volontà e il Mio pensiero. Sceverate l'accidente dalla sostanza e scoprite questa in tutta la sua luce.

25 gennaio 1986

"Dì alle donne (casa) d'Israele e annunzia agli israeliti ciò che Io voglio...".

Così oggi. La rivelazione è: privata, riservata spesso alle donne perché più attente alla Mia Voce, poi annunciata a tutto il popolo credente perché sia fedele alle Mie Parole. Come un tempo, così sempre. Credete e ascoltate.

6 marzo 1986 - ore 7.30

Il profeta è colui che è investito di autorità dall'Alto. È spinto e trascinato dal Vento dello Spirito che lo spinge contro la corrente del mondo che lo vorrebbe travolgere. Ma la forza dello Spirito Santo lo conduce, lo ispira, gli fa dire ciò che la sua mente non sa, ma il suo cuore attinge nel sè profondo dove abita la Verità.

Ascoltate il profeta, anche se scomodo e sconcertante le vostre piccole idee architettate dal maligno, e sarete sulla via maestra, piccoli uomini amati.

ore 8.30

(Che differenza c'è fra il mistico e il profeta?).

Il mistico è colui che si incontra con Dio faccia a faccia e ascolta le Sue Parole; il profeta è un mistico che trasmette tali Parole al mondo.

3 febbraio 1988 ore 8

Non fermatevi troppo sulle persone scelte da Me per portare un po' di Luce fra le tenebre. Sono scintille luminose nel buio dell'ignoranza. Ma non le persone, ma ciò che è lo spirito del messaggio portato da tali persone è da osservare per comprendere ciò che Io o Mia Madre Maria, vogliamo farvi intendere per aiutarvi a camminare sulla retta via.

Non fanatismi o interpretazioni temporali, ma l'essenziale sia ricercato attraverso le parole o i segni del messaggio visibile a voi, piccoli uomini.

Il Cielo vi è vicino, vi ama, vi segue, vi aiuta ad avanzare anche attraverso segni tangibili. Pregate e non lasciatevi sedurre dalle persone che sono solo tramite dell'Eterno.

Così sia per Maria.

6 marzo 1988

Le parole o i fatti, che ti vengono proposti, di persone sconosciute, cosiddette profeti o profetesse, guardale all'inizio con distacco. Se ti vengono riproposte con insistenza e da varie fonti anche attendibili, osservale con più attenzione. Se quelle parole o quei fatti ti portano ad amare più intensamente Dio e il prossimo, quelle parole e quei fatti sono attendibili, veri, e perciò divulgabili. Se ti portano ad ammirare e a prostrarti davanti alla persona che dice o fa cose strabilianti, non credere, non la seguire perché il maligno la sorregge e la istruisce.

Solo chi eleva al Creatore la lode e la sua attenzione e ne è tramite, solo costui è vero profeta del Dio vivente.

Non vi fermate alle persone benedette ma, anche tramite loro, risalite a Chi le benedice, e sarete benedetti.

Chi dice che Cristo è Dio ha in sé il Suo Spirito. Chi lo considera solo uomo, profeta, o solo Dio (corpo apparente ma non reale) è nell'errore. Solo il Padre può attirare i Suoi figli, illuminandoli con il Suo Spirito.

I falsi profeti piangeranno finché non saranno "salati col Fuoco" (resi sapienti dalla Luce del Padre - Mc. 9,48).

Dai frutti conoscerete l'albero.

Così sia per Maria.

14 maggio 1988 - ore 19

Ma non hai ancora capito che io Mi adatto a ciascuna di voi, piccole anime credenti e amanti, e Mi faccio conoscere conforme la possibilità di comprendere di ognuna?

Il Mio linguaggio è diverso perché ogni uomo è diverso dall'altro. Solo adattandoMi alla mente, alla cultura, al linguaggio del singolo posso farMi comprendere da tutti. La Mia Verità è esposta un po' alla volta secondo l'evoluzione di ognuno, di ogni popolo, di ogni civiltà, e sempre più sarà palese quanto più l'uomo Mi cerca, Mi ascolta, Mi segue, Mi ama.

Ascolta e chiudi le orecchie al rumore del mondo e Mi sentirai e farai ciò che Io ti dico, perché ti amo e voglio fare di te un apostolo per chi non sa ancora ascoltare e sentire, dentro di sé, la Mia voce. Alla fine ognuno sentirà come gli altri e tutti saranno uno nell'Uno. Così sia con Maria.

19 maggio 1988 - ore 9.30

(Signore spiegami cosa vuol dire "parola di conoscenza" per me? Mi sembra tanto diverso il cammino da quello di Padre Tardif. Lui è grande nella fede, io sono tanto piccola. Non è la stessa Parola quella che guida lui!).

La parola di conoscenza ha diverse sfaccettature e comporta itinerari diversi, carismi diversi, effetti diversi.

Uno conosce la persona che, attraverso questa Parola, può essere guarita nel corpo o nello spirito. Un altro conosce e sente una Parola che indica una via di conoscenza della Verità.

"Parola di conoscenza" dell'uomo per l'uomo malato nel corpo e nello spirito.

Parola di conoscenza" della Realtà del Creatore e Signore delle creature.

"Parola di conoscenza" del cammino della Chiesa verso la terra promessa.

Queste sono le tre Parole di conoscenza donate a chi è stato scelto per riceverle e trasmetterle all'uomo caduco, malato, incredulo, dubbioso o in ricerca del Dio vivente. Gli errori della Chiesa vengono svelati attraverso questa Parola di conoscenza che aiuta e illumina il nuovo cammino, dopo la deviazione.

Ascoltate, anime nobili, tali Parole concesse a voi, tramiti di tali Parole, per la salvezza del mondo.

Io sono Via, Verità e Vita, ascoltateMi e trasmettete tale Parola a chi ne ha bisogno.

Così sia per Maria.

13 aprile 1989

"Io sto alla porta e busso, se uno Mi apre Io entro e parlo con lui". Io Mi conformo alla sua mentalità, alla sua cultura, al suo linguaggio e parlo come fa una mamma con il suo bambino, Mi adatto alla sua capacità di comprensione e piano piano lo faccio crescere nella conoscenza della Verità. Io precedo e seguo l'evoluzione dell'Uomo che cresce secondo l'apporto che gli viene dal di fuori (ambiente culturale), coadiuvato dall'apporto del suo spirito (coscienza, intelletto, memorie genetiche, etc.).

Io parlo nell'intimo (coscienza) e ripeto ciò che ho detto nel tempo. La Mia Parola è eterna, ma dettagliata e sviluppata nel tempo conforme la capacità di recezione dell'uomo.

L'evoluzione umana è soprattutto nell'intimo dell'uomo destinato a raggiungere alte vette col suo spirito. A ognuno il suo. Chi più cerca, più ha.

A chi ha sarà dato, a chi non vuol avere una crescita nello spirito gli sarà tolta anche la possibilità di evolvere perché avrà chiuso, volutamente e liberamente, la porta alla Verità. E' il desiderio e la volontà "di sapere" che apre la porta alla Sapienza.

Bussate e vi sarà aperto. Io busso, apriteMi e Mi conoscerete sempre più.

Così sia per Maria.

12 novembre 1990 - ore 20,30

(Sto leggendo i primi messaggi di Vassula. Dopo averli letti li ritengo sdolcinati, sentimentali, con un linguaggio troppo umano. Forse frutto di una turbe psichica di Vassula per una sua carenza infantile di amore... Sto per spegnere la luce e mi sento dire dentro):

"Sei indifferente, scettica, fredda".

... (Signore, solo Tu mi puoi scaldare! Ma che senso ha la vita dell'uomo? Ognuno vede sè stesso e vuol essere al centro dell'attenzione degli altri, anche il Papa... anche Tu Signore? ...)

Anche tu, soprattutto tu!

(Signore sono un verme strisciante che vuol alzare gli occhi e giudicare il Creatore dell'universo! Cosa fai di me? Annullami Signore! E' tutto folle ciò che penso, ciò che scrivo! ...).

AscoltaMi Laura. Tu sei una piccola superba. Stai diventando presuntuosa, il maligno ti insidia e mette confusione nella tua mente. Ti stupisci, ti ribelli per quello che Io dico a Vassula, eppure ne sei gelosa!

Io, te lo ripeto, parlo a ciascuna anima conforme Io l'ho fatta. All'anima razionale faccio discorsi soprattutto razionali, all'anima sentimentale, amorosa, umile faccio discorsi di amore infinito.

Il Mio amore si esprime con parole umane comprensibili dal cuore o dalla mente dell'uomo fatta a Mia immagine. IO SONO MENTE, IO SONO CUORE.

L'uomo amante è spinto dagli impulsi del cuore sovrabbondante e ricercante amore, l'uomo raziocinante è spinto dagli impulsi della mente, la ragione lo spinge a cercarMi. Ma la sola ragione disgiunta dal cuore è monca. L'uomo puramente razionale non potrà mai raggiungerMi perché il Mio Essere supera la ragione, è Luce infinita, è Fiamma, Fuoco eterno che brucia di Amore, per Amore, con Amore.

Questa è la Mia Trinità, Trinità di Amore. E l'Amore è Uno, indivisibile, infinito, eterno.

12 dicembre 1990

(In Chiesa, alle Grazie. Voglio parlare con Padre C. ma mi dice che non ha tempo, ha da fare delle consegne!...).

Te l'ho già detto, non la Chiesa gerarchica magisteriale Mi metterà al centro, ma voi laici, umili, semplici, amanti e credenti nella Mia Parola detta a chi ha orecchi aperti per udire e ascoltare.

La gerarchia verrà poi al rimorchio di chi ode la Parola e la trasmette senza prosopopea, perché Mia è la Parola, non dell'uomo colto e studioso! La Sapienza è dono dato agli ignoranti del mondo, a chi ha orecchi aperti alla Voce dall'Alto, non dal basso.

Va in pace e porta la Mia Parola a chi ha sete di Verità e non di scienza e parola umana. La Sapienza vola in Alto, sali e sii umile e semplice. Non giudicare, non condannare, ama e prega per i presuntuosi. Così sia per Maria.

11 gennaio 1991

(Ma quando e chi mi assicura della Vita oltre la vita?).

Le comunicazioni (messaggi) -che sempre più l'uomo del duemila sentirà dai trapassati alla Vita- daranno la certezza della Vita gioiosa e gloriosa eternamente vissuta nella pace, nell'armonia, nell'Amore perenne.

Ascoltate e credete a tali messaggi permessi per voi uomini evoluti dal Creatore che sovrasta i tempi e vi fa crescere nella Verità dell'Amore eterno.

Così sia per Maria.

11 febbraio 1991- ore 22

(Dopo una telefonata con un monaco che aveva definito i miei scritti: "Roba da giornaletti!").

Che cosa ti importa del giudizio di un uomo, anche se studioso della "Scrittura", ma non conoscitore di anime guidate da Me?

Io scelgo e guido le mie creature che a Me si affidano, i Miei "eletti"! Il Mio approccio, il Mio linguaggio, il Mio intervento nella vita dei miei prescelti non ha schemi fissi come i vostri, piccoli uomini. Io sono libero e scelgo e dirigo le Mie pecore e i miei agnelli come e dove e quando voglio Io.

Sono Io che ho scelto voi, non voi avete scelto Me. Perciò non ti preoccupare se non rientri negli schemi prefissati dagli studiosi di Teologia dogmatica o spirituale. Io sono libero dagli schemi umani, e liberati anche tu da ogni pregiudizio. Tu seguiMi e canta. Ama, ama, ama e sii felice.

Così sia con Maria.

27 aprile 1992 ore 9

....Gli scritti positivi sono limpidi, comprensibili, sensati.

Gli scritti negativi sono arzigogolati, spesso incomprensibili, confusi, senza senso, ripetitivi, o sdolcinati, o elucubrati.

Guardatevi dai falsi profeti! L'egocentrismo è la caratteristica principale degli scritti negativi.

2 giugno 1992

Ai ragazzi veggenti di Medjugorje è data una visibilità (visioni) legata agli schemi mentali e culturali esistenti nel loro cervello. La loro psiche raccorda le Realtà spirituali (visioni della Madonna, inferno...) alle loro conoscenze temporali e culturali impresse nella loro mente. Vedono la Madonna, o l'inferno, o altre realtà poi descritte, con "aspetti" già impressi nella loro mente da immagini o descrizioni avute fin da piccoli, e viste attraverso figure o racconti impressi poi nel loro cervello.

Queste sono le "memorie" impresse nel loro computer.

Quando inizia l'azione della Visione -prevista e programmata dall'Alto per un bene comune- preceduta dalla preghiera loro e dei fedeli circostanti (preghiera = azione concomitante e catalizzante la visione), inizia nella loro mente un processo fisico psichico dove le realtà già impresse nel loro cervello -ed entrate attraverso i sensi della vista- vengono a contatto con realtà trascendenti esistenti nella dimensione ultraterrena. In questo incontro di realtà spirituali con realtà fisico-psichiche percepite nel tempo, scatta la Visione che tuttavia è sempre rivestita, o meglio realizzata, con le immagini terrene impresse nella mente del veggente.

Come il corpo di Cristo è stato "involucro" di una Realtà spirituale (Spirito-Padre) invisibile, ma realmente esistente e movente la mente e la volontà dell'Uomo-Dio, cosi nella mente del veggente avviene l'incontro della Realtà spirituale (Maria o altra realtà spirituale) con la realtà fisico-psichica, esistente nella mente umana del veggente che ne riveste l'immagine con un involucro visibile e comprensibile da menti terrene.

Ma al di là dell'involucro (visione) rimane la Realtà spirituale veramente esistente e visibile poi nella Vita oltre la vita, con occhi non più terreni, ma con l'occhio dello spirito illuminato dallo Spirito. Questo è l'iter dell'uomo aiutato, dall'Alto, a vedere o intravedere, anche qui nel tempo, le Realtà esistenti nella Vita ultraterrena infinità.

Così è.

9 giugno 1992 ore 7,30

I doni della preveggenza, chiaroveggenza, sensitività, pranoterapia e altri doni -dati dall'Alto per aiutare gli uomini a guarire nello spirito e nel corpo- possono essere usati in modo positivo o, talvolta, negativo. Se il sensitivo usa il suo carisma per un bene comune, per migliorare le situazioni negative del prossimo, è in contatto con forze positive che lo investono dall'Alto, ma se il sensitivo sfrutta tali forze positive per un suo interesse economico o di prestigio personale, perde un po' alla volta tale dono e diventa succube di forze negative che camuffando tale carisma gli fanno dire cose false, o danno a intendere guarigioni poi, a lunga scadenza, risultate nulle. L'imbroglio sarà evidente a distanza di tempo. L'illusione diventerà delusione per coloro che si sono affidati a falsi profeti o falsi guaritori.

Attenti, uomini dotati, non prevaricate sul dono offertovi gratuitamente per un bene comune, non lo usate per un vostro affare commerciale, perché ne pagherete duramente le conseguenze sul vostro "essere" adulterato dal maligno. Pregate per non cadere in tentazione

Così sia per Maria

(Identikit del falso carismatico: pozzo nero, sfruttatore, megalomane, ambizioso, imbroglione, si esalta, mescola magia col sacro, si mette in mostra, si fa pagare.

Identikit del vero carismatico: umile, nascosto, silenzioso, credente nel Datore del dono, Lo prega incessantemente. Sta nell'ombra, non chiede compensi).

13 settembre 1992

Medita i dieci Comandamenti (Esodo XX, 2-26), in essi c'è l'indicazione dell'essenziale per la vostra vita sociale e religiosa. Rapportali alla vostra vita moderna e vedi, nel profondo, la Mia volontà.

Io ho parlato secondo i tempi di evoluzione dell'uomo. Anticamente (A.T.) la Mia Parola è stata presa alla lettera. Nel N.T. ho parlato spesso in parabole. Ora parlo direttamente nel cuore di chi ha orecchie da intendere (Voci). E chi ode trasmetta a chi non ode e aiuti il piccolo a crescere nella conoscenza della Mia volontà, che è volontà di amore perché tutti siano uno nell'Uno.

Così sia per Maria.

Tutto è simbolo sulla terra.

13 gennaio 1993 ore 13

Non è esatto chiamare stato ipnagogico, ma iperagogico è lo stato di coscienza profonda che viene trasmesso nella persona attenta alla "voce" che si fa sentire nel suo profondo.

Inizia, questo stato, in modo semplice, non ricercato, nè voluto dalla persona che recepisce, senza un suo controllo cosciente, una parola, una frase (all'inizio) che è al di fuori dei pensieri normali di tale persona.

La persona si stupisce ma non troppo, registra nella sua mente tale parola o frase e poi spesso se ne dimentica. Ma poi, anche a lunga scadenza di tempo, ritorna la parola o la frase nella mente del prescelto dall'Alto, per portare la novità della vita del terzo millennio...

2 marzo 1993

Sta ingrandendosi sempre più la campagna, nei mass-media, dei materialisti e razionalisti così detti credenti, contro i mistici che vivono nello spirito la realtà dello Spirito.

Signore perché questa babele oggi? Ha ragione il Domenicano che denigra Vassula e mette in ridicolo i così detti veggenti ?! A cosa serve questa campagna denigratoria delle cose spirituali che spesso i mass-media stanno ingaggiando ora e sempre più?).

Tutto serve per ripulire le acque inquinate (falsi profeti) e per far brillare poi a suo tempo, la Verità. Non le parole e le visioni dei veggenti vanno prese "alla lettera", ma bisogna coglierne lo Spirito che le muove.

Come la Scrittura si è rivestita di fatti storici, di segni, di parabole, perché l'uomo intelligente e maturo ne cogliesse il senso metaforico profondo, ne cogliesse le Spirito che muove tali fatti e si serve di tali segni (parabole, immagini), per far vedere, attraverso la storia reale dell'uomo, il cammino dell'uomo libero ma sempre più evoluto e tendente a diventare da uomo animale a uomo "Sapiens", cosl oggi tale campagna denigratoria delle persone -piccole e infantili nel loro dire ma credenti nello Spirito- servirà a promuovere un dibattito fra uomini intellettuali mondani e uomini "Sapiens".

Sta per cominciare il tempo dello Spirito. La primavera è alle porte, ma prima c'è l'inverno! Dopo il temporale il sole risplende e il cielo è terso. Dopo la metafora, lo Spirito che la anima.

Muovetevi uomini "Sapiens", spiegate agli ignoranti: non sono reali le immagini viste da occhi semplici e puri -che si servono di immagini impresse nel loro cervello (inferno, Paradiso, etc.) per descrivere stati di essere nella dimensione dell'eterno, dove non esistono nè fiori, nè laghi di pece, etc-, ma queste sono solo immagini simboliche, viste sulla terra dai veggenti, che descrivono all'uomo terreno situazioni analoghe (gioia o dolore), ma vissute nello spirito nella dimensione oltre il tempo, e lo spazio.

Io Mi servo ora dei bambini e dei lattanti (gente semplice e credente) per far comprendere all'uomo distratto dalle cose fasulle terrene, che la Vita oltre alla vita continua all'infinito.

Andate oltre il contingente e vivrete nuovi cieli e nuove terre.

Cosí sia con Maria.

17 febbraio 1994 ore 8,30

Quelle onde che si incidono sui magnetofoni terreni sono in gran parte onde che partono da entità di basso livello, ancora attaccate col desiderio alle cose terrene e legate ancora ai pettegolezzi temporali.

L'Altissimo si serve di entità angeliche, "persone" purificatesi, riunitesi, dopo la Geenna, con la loro Metà angelica, e che ora stanno presso l'Eterno per camminare con voi, Voci prescelte per annunziare sulla terra la Realtà dell'Empireo.

Non i pettegolezzi terreni, miseri interessi dell'uomo attaccato al basso, ma la gioia e la gloria che l'Altissimo dona a chi lo cerca con cuore sincero!

... Tre sono i mezzi che usano le entità, di basso livello, per trasmettere ai ricercatori terreni ancora attaccati agli interessi temporali le loro fantasie: i medium in trance, i cartelloni o simili mezzi meccanici, e ora i magnetofoni.

Sono onde a vibrazioni basse e lente, quelle che muovono e si incidono in tali ricettori! Le onde che partono dall'Alto hanno vibrazioni velocissime e sottilissime e si incidono nella mente di persone aperte all'Alto. La loro materia cerebrale è più sensibile e rimane incisa da "onde" ad alto livello vibratorio, che possono cosi comunicare quando l 'Altissimo lo permette, con persone terrene particolarmente dotate di alta spiritualità. Questa è la comunione dei Santi, oggi più sensibile anche sulla terra.

Rendiamo grazie all'Altissimo .

Daniela

Così sia.

... (E la scrittura automatica è vera?).

E' una ulteriore conquista dell'uomo aperto al trascendente. Le onde che incidono sulla materia cerebrale dell'ascoltatore, sono poi trasmesse alla mano dello scrivente. Ma varie sono tali onde che partono da livelli altissimi, o da livelli molto bassi, ancora legati al transeunte!

Da ciò che lo scrivente scrive sul foglio, o si incide nel computer, o sul magnetofono, o sul video, potrete discernere la provenienza.

Cose confuse, visibilmente o intellettualmente, o cose banali a sfondo terreno o al massimo psudoscientifico, derivano da entità a bassi livelli ancora attaccate alle cose temporali.

Se le comunicazioni riguardano cose inerenti agli alti livelli dello spirito, o spiegano ulteriormente la Verità ancora sconosciuta dall'uomo sapiens, derivano da entità angeliche (= uomo purificato riunitosi con la sua Metà angelica) che aiutano l 'uomo terreno a conoscere sempre più la Sapienza divina.

Questa è l'economia " usata dal Creatore oggi per far crescere le Sue creature da uomo animale a uomo sapiens, a "Homo Sapiens", scopritore della Sua Sapienza all'infinito, perché Infinito ne è l'Autore.

Cosí è.

18 ottobre 1994

(Spirito Santo perché non parli, perché non fai sentire la Tua Verità, oggi in questo mondo così confuso, cosi ignorante, così deviato dal maligno che fa dire insegnamenti devianti anche dalla Tua gerarchia?

Signore urla, siamo degli illusi dormienti!).

Siete voi, Mie Voci, che state dormendo, che non avete il coraggio di portare sui monti la Verità che vi viene trasmessa dall'Alto!

Voi siete la Mia Voce, parlate, urlate sui monti, muovetevi.

Io Mi servo di voi, Miei profeti, per portare al mondo la Verità, oggi. Come Io ho parlato in parabole, oggi voi parlate col linguaggio odierno che spiega ai posteri la Verità.

Non l'inferno eterno, non la gerarchia maestra e altre interpretazioni errate della Mia Parola, ma "uno solo é il Maestro" che é venuto nel mondo per dire la Verità, adombrata spesso con parabole, ma comprensibili da chi ha orecchi e occhi aperti per vedere e sentire.

Il "Figliol prodigo", "La pecora smarrita" e altre parabole parlano della salvezza del peccatore, non dell'inferno eterno!

Aprite la mente, il cuore, le labbra, per comprendere e trasmettere la Verità adombrata nella storia. Ora il Mio Spirito urge nella vostra mente, nel vostro cuore, Mie voci, perché trasmettiate la Verità sugli alti monti, perché scendano dai troni e riempiano le valli (popolo ignorante) con la Luce che scende dall'Alto.

Così sia per Maria.

9 dicembre 1996 ore 8,30

(Signore dimmi, cosa sono le locuzioni interiori? Ci sono veramente o sono dovute alla fantasia, o ragionamento dell'uomo?).

Le locuzioni interiori derivano dallo Spirito Santo che abita nello spirito dell'uomo credente e amante, o in colui che è in sincera ricerca della Verità. Io parlo a colui che ha orecchi aperti per intendere. Solo a chi cerca e ascolta e crede a ciò che sente nel suo spirito, Io parlo.

A chi Mi ama e ascolta i Miei Comandamenti e li segue, Io parlo (Gv. 13,23)

(Ma Abramo non conosceva i Tuoi Comandamenti).

- Abramo aveva fede in Dio, perciò Mi sono fatto sentire da lui e ho parlato nel suo intimo, chiaramente (... "parti dalla tua terra"... "Io sono il tuo Dio"...).

- Mosè è salito sul monte e Mi ha cercato (roveto ardente), perciò ho parlato nel suo intimo e gli ho dato la Legge, unico modo per guidare un popolo ancora bambino.

- I profeti, scelti da Me, credono e sanno ascoltare la Voce che parla nel loro intimo e la trasmettono al popolo e a chi la vuole ascoltare.

- Io stesso sono sceso, nella pienezza del tempo, in mezzo a un popolo cresciuto, che aveva istituito già una "ecclesia" (Sinagoga) per trasmettere i Miei Comandamenti, ma dove poi i capi hanno prevaricato aggiungendo i loro precetti umani per soggiogare il popolo e renderlo succube del loro potere!

Ho parlato da "Uomo" con voce e linguaggio umano, spesso usando parabole per far intendere lo Spirito che era sottinteso a quelle parole umane, terrene. E solo chi aveva orecchi aperti poteva comprenderLo.

Ho detto la Verità, oggi sempre più comprensibile dall'uomo evoluto.

Ancora oggi Io parlo all'uomo credente e amante che sa e vuole ascoltare la Mia voce interiore.

Queste sono le locuzioni interiori che, pochi ancora, sanno percepire, con tremore, ma con fede sincera e desiderio ardente di conoscere la Verità.

- Ai fedeli credenti, attenti e amanti, Io parlo nell'Intimo.

I dogmi sono parole umane, definizioni o spiegazioni umane di parole divine ancora non ben comprese nel loro significato profondo. Perciò Io parlo a chi ha orecchi aperti e cuore puro, per spiegare sempre più la Verità.

Non a chi si crede infallibile, o maestro, Io parlo!, ma a chi Mi ascolta con umiltà, libertà e intelligenza interiore. Queste sono le "Voci" che sentono e trasmettono le locuzioni udite interiormente.

Sceverate la Mia Parola dalla parola umana e scoprirete la Verità.

Diffidate dalle locuzioni false, oggi molti le inventano... talvolta in buona fede.

ore 12

...(Ma come facciamo Signore a distinguere le voci vere dalle false.?).

Lo Spirito illumina chi ha questo compito. Io non parlo di cose fasulle, sentimentali o terrestri, ma di ciò che è inerente all'Eterno e alle cose eterne. Così è.

(Ma Signore perché oggi la Tua Chiesa non vuole più credere a queste voci ?).

Si vuol cancellare la Mia voce per far sentire solo e soprattutto la voce dell'uomo che si crede maestro. Ma "uno solo è il Maestro", e un giorno tutti lo comprenderanno. E chi si fa maestro infallibile, dovrà un giorno tornare all'asilo.

(Nella reincarnazione?).

No, nella Vita oltre la vita. La reincarnazione nel tempo non esiste.

11 dicembre 1996

Tempo verrà, e Io te lo dico, in cui le Parole saranno cercate, meditate e non più comprese alla lettera, come accade oggi, ma saranno intuite nel loro senso simbolico e profondo.

Tutto è simbolo sulla terra, anche il linguaggio e i gesti che Io ho usato nel Mio cammino terreno.

Altri mondi scoprirà l'uomo, con mentalità più evoluta, con occhi e orecchi aperti allo Spirito che vuol portare le Sue creature ad indagare e scoprire l'Universo dello Spirito.

Non alla lettera, ma nella sua realtà simbolica va intesa la Scrittura. Solo così entrerete nella realtà divina che supera e sorvola la realtà e la logica umana.

Cosí è e sarà

(Non capisco Signore, spiegami con qualche esempio terreno).

Tutto è simbolo sulla terra.

(Anche la creazione? L'incarnazione? La resurrezione?).

Sí, sono realtà visibili dall'uomo terreno, nel tempo, ma comprensibili "poi" come: l'inizio, il cammino -faticoso e libero nel tempo della prova, e spesso deviato dal bugiardo- e l'illuminazione (intuizioni) che porta un po' alla volta alla sublimazione, e infine alla rinascita (resurrezione), per il vostro cammino eterno in nuovi Cieli e terre nuove. Apri gli occhi, gli orecchi e il cuore e ogni simbolo ti sarà svelato un po' alla volta. Io sono con te.

(Grazie Signore, aiutami a vedere, per far vedere anche ai miei fratelli, la Tua Luce). Così è e sarà.

2 aprile 1997

Nel terzo millennio i contatti dei terrestri con i viventi nell'aldilà saranno sempre più frequenti e sensibili.

Si sta assottigliando la barriera che divide le due dimensioni: la temporale dalla dimensione eterna. Sempre più i viventi nel tempo sentiranno l'influsso e la guida dei "risorti" che hanno raggiunto la pace e sono illuminati sempre più dalla Luce divina.

Il compito dei risorti è quello di trasmettere la Verità e l'amore che ricevono dall'Altissimo. E' questa la catena dell'Amore che lega gli esseri viventi, ancora nel tempo, con i risorti che vivono seguendo il Risorto e insegnano ai pellegrini terreni come camminare, nel tempo, a imitazione di Cristo Uomo Dio. Cosi si farà un solo ovile sotto un solo Pastore. E tutti saranno uno nell'Uno. Sempre più saranno illuminati i credenti nello Spirito Santo.

Non più gerarchia, credente in se stessa, ma democrazia credente nello Spirito! Spariranno i cosiddetti maestri, pieni solo di sapienza terrena, costruita da menti presuntuose che hanno tramandato verità limitate. La tradizione non deve fermare il cammino della Verità. La Verità è eterna, quindi sempre più scopribile dai pellegrini nel tempo. La comprensione delle Verità eterne è sempre in fieri, all'infinito. Non ferrnatela con dogmi o imposizioni culturali.

Ogni scoperta è suscettibile di ulteriori scoperte all'infinito.

Non guardate indietro, ma guardate avanti, camminate, e guai a coloro che ferrnano tale cammino della Verità perché si sono ferrnati a segnare il passo sulle loro piccole e spesso fasulle scoperte!

Non fermate il passo di coloro che vogliono e possono volare, imponendo il vostro piccolo punto di vista, ma il maestro sia umile e si lasci illuminare dall'Alto. Solo cosí la Verità vi farà liberi. E' questa la Pasqua.

E così sia.

(Grazie Signore di queste indicazioni ma mi verranno anche le bastonate!).

Sí, ma sempre meno, canta e sorridi.

| Indice degli argomenti |